Un aiuto concreto alla donne. La rete antiviolenza: un breve ci presenta i suoi protagonisti video

 

Un grazie speciale alle donne e agli uomini che lottano ogni giorno perché la violenza di genere sia estirpata.

Un grazie speciale a Tiziana Zaccaria e a Lupo Alberto che insieme ai soci di Terra Donna hanno dato voce e movimento ai protagonisti della rete antiviolenza.

Una nuova panchina contro la violenza sulle donne

Oggi, 25 novembre, Giornata Internazionale Contro la Violenza Sulle Donne, l’associazione, grazie alla collaborazione del Centro Commerciale Sempione di Domodossola, ha potuto posizionare la panchina rossa contro la violenza sulle donne.

Il manifesto che la incornicia richiama l’attenzione su tutti coloro che ruotano intorno alla vittima di violenza: polizia, carabinieri, centri antiviolenza, servizi sociali, ASL, associazioni e semplici cittadini.

Un problema di tutti e che tutti possiamo contribuire a risolvere.

Un ringraziamento particolare va a Cristina della Odos Group, gestore del Centro Commerciale Sempione, che ha fortemente sostenuto l’iniziativa e a coloro che a vario titolo di sono artisticamente spesi per realizzare la panchina e il manifesto, Graciela, Milena, Cesarina e Renzo.

La panchina conto la violenza anche a Calasca Castiglione

Oggi abbiamo ricevuto la segnalazione che un’altra panchina contro la violenza, preparata da artisti che vogliono rimanere anonimi, è stata realizzata a Calasca Castiglione

Riportiamo perciò quanto ricevuto felici di averli a nostro fianco:

‘Tutto è nato dal desiderio di sensibilizzare, o per lo meno tentare, l’opinione pubblica della nostra piccola comunità, un’iniziativa volta a scuotere gli animi, a prevenire e porre fine alla violenza contro le donne.

Il momento che stiamo vivendo non consente l’organizzazione di eventi pubblici, ma non frena la sensibilità su una delle più devastanti violazioni dei diritti umani ancora molto diffusa.

La diseguaglianza di genere ancora persiste in tutto il mondo, percepita anche nelle nostre piccole realtà, tanto che raggiungere l’uguaglianza e l’emancipazione del genere femminile richiederà sforzi più vigorosi per contrastare una discriminazione spesso derivata da atteggiamenti patriarcali e dalle norme sociali correlate.

Il nostro intento è stato quello di concretizzare e materializzare il grido di dolore di tutte le DONNE che subiscono brutalmente questa sorte.

Abbiamo voluto recuperare una vecchia panchina dismessa, abbandonata in una discarica, proprio perché essa portava con sé una storia, un trascorso e magari chissa’, proprio su quelle assi, si era consumata una violenza.

Ci siamo impegnati a riportarla alle origini, a rimetterla a nudo per ridarle una veste nuova dal significato profondo ed una luce contagiosa che illuminasse l’umanità.

La modalità espressiva e la centralità dell’argomento hanno dato con quest’opera dignità e voce alle tante vittime di questo orrore.

Ringrazio l’artista per essere stato in ascolto, per aver colto la mia richiesta, per avermi sostenuta e supportata in questa iniziativa a tanto me cara.

Mi piacerebbe tanto che venisse posta in un luogo pubblico, in uso a tutti, affinché possa passare forte il messaggio.

…’

 

“Il sasso nello stagno” dedica due puntate alla violenza sulle donne

In occasione del 25 novembre, Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, la trasmissione televisiva “Il sasso nello stagno” ha deciso di dedicare due puntate al tema.

L’associazione sarà presente come ospite stasera alle ore 20.35 su VCO Azzurra TV. In replica sabato e domenica, insieme alle forze dell’ordine, Carabinieri e Polizia.

Il giorno 27 novembre, la trasmissione approfondirà invece il ruolo del servizio antiviolenza.

Ciak si parla: rassegna rimandata a data da destinarsi

Ci duole informarvi che, a seguito del nuovo DPCM del 24/10/20 in merito alla situazione COVID-19, nostro malgrado siamo costretti a rimandare la rassegna a data da destinarsi.

La nuova normativa, valida fino al 24 novembre 2020, comporta di fatto il blocco di quasi tutte le date. Considerando l’incertezza del protrarsi di detta situazione, non avendo nemmeno la certezza di potersi effettuare nemmeno l’incontro del 25/11/2020, abbiamo preferito rimandare l’intera rassegna quando ci saranno le condizioni per poterla seguire con la regolarità che merita.

Vi terremo informati sulle nostre iniziative e sulle nuove date appena possibile.

Vi ricordiamo che abbiamo attivato un nuovo canale su Telegram “Associazione Terra Donna” tramite cui potrete rimanere aggiornati, oltre che FB e il nostro numero di telefono 346 7499771

A presto!

Aggiornamento Assemblea straordinaria del 20/10/2020

Alla luce del nuovo Dpcm e dell’aumento dei contagi da Covid 19, si comunica agli interessati che la riunione avverrà online via zoom. Preghiamo tutti coloro che sono intenzionati a partecipare, così come già richiesto per la riunione in presenza, di contattare il n. +39 346 749 9771 per aver informazioni rispetto ai numeri di riunione zoom.

La presidente

Simona Pedroli

21/10/2020 per Ciak si parla: Magdalene

 

Era il 1964, in una Dublino dove le ragazze giravano in minigonna e capelli cotonati, l’anno in cui  barbare istituzioni come i conventi Magdalene, con la complicità delle famiglie, ancora rinchiudevano queste giovani ragazze colpevoli di essere state violentate, di avere figli senza essere sposate o semplicemente di aver scambiato due parole in più con qualche coetaneo

 

Per info: www.terradonna.org—mail terradonna@tiscali.it—tel 346 74 99 771

Ingresso con offerta libera partire da 20 euro inclusivo di tutte le serate